Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 

 

Juan Sánchez Peláez


Le lettere d'amore che scrissi nella mia infanzia erano
memoria
Di un futuro paradiso perduto. La rotta incerta della mia
Speranza stava segnata sulle colline musicali del mio
Paese natale. Quello che io inseguivo era la cerva fragile,
il levriero
Effimero, la bellezza della pietra che si trasforma in angelo
.

(...)


Traduzione di
Jordi Valentini


Poesia n. 349 Giugno 2019
Juan Sánchez Peláez. Elena e gli elementi
a cura di Jordi Valentini

 

 


 

 










   
   
Fondazione Poesia Onlus
Via E.Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277